Introduzione

L’acqua nella sua dimensione storica, biologica e psicologica è intesa come archetipo, ambiente di nascita, elemento del corpo e spazio vitale. È necessaria alla sopravvivenza e contiene rappresentazioni psicologiche che la rendono un elemento importante attorno a cui nascono desideri, bisogni, riti, miti, economie e culture.

Qualsiasi cambiamento che potrebbe creare ostacoli all'accesso alla risorsa o creare una minaccia alla sua potabilità genera stati emotivi intensi che possono creare conflitti sociali, nazionali e/o internazionali.

El Salvador e Guatemala sono paesi con una riserva d’acqua dolce che sta diminuendo di quantità e qualità a causa dello sfruttamento eccessivo, dell’inquinamento e del cambiamento climatico. Le risorse idriche, la loro disponibilità, qualità e distribuzione sono aspetti determinanti sia per la salute, che per il contrasto alla povertà e il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile secondo quanto indicato dall'Agenda 2030 dell'Onu e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Questa situazione crea una doppia responsabilità per la comunità scientifica: contribuire al potenziamento delle conoscenze idrogeologiche e al supporto psicologico delle popolazioni per poter gestire al meglio e con saggezza le risorse idriche, migliorando nel frattempo le competenze psicologiche e sociali (empowerment) delle comunità, e mitigare la conflittualità rispettando gli aspetti socioculturali locali.

L’area Psicosociale del progetto, creata presso IGG-CNR dalla responsabile del settore della prevenzione e promozione della salute psicosociale, in collaborazione  con l’Università UNIROMA Sapienza (Roma, Italia) e l’Università centroamericana UES  (San Salvador, El Salvador), propone azioni attraverso la formazione universitaria (Master in Psicologia Clinica di Comunità) e la Ricerca Azione Partecipata (PAR Partecipatory Action Research) , per dare le necessarie competenze ai professionisti che sono orientati a svolgere attività con le comunità locali e contribuire alle necessità derivanti dalla ricerca della parte idrogeologica nei siti pilota in San Salvador e in Guatemala. La sinergia con l’area tecnico scientifica, la stretta collaborazione con le ONG Italiane in Salvador (ACRA e ISCOS), momenti di integrazioni delle due aree del progetto, il coinvolgimento e la promozione delle attività divulgative, il contatto diretto con le figure chiave istituzionali ma anche con la popolazione in paesi coinvolti nel progetto, sono elementi rappresentativi della filosofia e pratica di questa parte del progetto.

L’area Psicosociale utilizza per la formazione universitaria l’enfoque teorico-metodologico della Psicologia Clinica di Comunità, la quale, come disciplina empirica ed applicativa, si sviluppa e si perfeziona in seguito alle situazioni concrete di disagio sociale e di aspettative per una migliore qualità della vita.